COMITATO PROVINCIALE DI AREZZO

Via della Chimera 76/a

Tel 0575 341259/370590  - Fax 0575 406780

 

 

Presentazione | Statuto | Riconoscimenti | Come si aderisce | Convenzioni | Attività | Immagini | Scrivici

 

 

L'AICS-Sport di Arezzo segue con particolare cura il settore del ciclismo .

 

Organizza la gara ciclistica a tappe denominata "Le vallate Aretine" e forniamo assistenza a tutti coloro che ne fanno richiesta con un nutrito ed affiatato gruppo di qualificati giudici di gara.

  Manifestazioni sportive  

  Classifiche manifestazioni sportive    

 

Regolamento AICS Ciclismo

PREMESSA

 L’attività AICS ciclismo prevede le seguenti forme di specialità ciclistiche.

 1° Attività amatoriali agonistiche su strada, in linea e a cronometro.

2° Attività cicloturistiche (raduni ed escursioni)

3° Attività mountain bike

 

 Attività amatoriali agonistiche

 CATEGORIE

Cadetti:                      17-27 anni

Junior:                        28-32 anni

Senior:                       33-39 anni

Veterani:                     40-47 anni

Gentleman:                 48-55 anni

Super Gentleman:       < 56- anni

Donne:                      Categoria unica

 

La categoria di appartenenza è considerata sull’anno solare di nascita vidimato sul tesserino individuale.

Alle gare agonistiche possono partecipare solo i ciclisti sulla cui tessera associativa è riportata la dicitura AMATORE e ( non cicloturista), sarà cura dei giudici controllare la loro validità nell’anno solare in corso)

Alle manifestazioni ciclistiche possono partecipare tutti gli atleti, indipendentemente dal nominativo dell’ente di promozione sportiva a cui sono iscritti, salvo diversa indicazione.

 

 

1° SOCIETA ORGANIZZATRICE MANIFESTAZIONE

 

La Società che organizza la manifestazione sportiva deve:

Provvedere a reperire mezzi di trasporto per i giudici di gara, scorte tecniche adeguate, ( minimo “2” due motociclisti) salvo prescrizioni diverse imposte dagli enti preposti al rilascio delle autorizzazioni (in caso di doppia partenza il numero dovrà essere raddoppiato), la copertura con personale apposito degli incroci e zone ad alto rischio di pericolosità. Di due veicoli riportanti in modo visibile dall’esterno INIZIO CORSA CICLISTICA e FINE CORSA CICLISTICA che dovranno precedere e seguire tutti i ciclisti. Provvedere ad applicare il cartello o striscione di arrivo, a segnare sulla sede stradale una doppia linea bianca indicante il punto esatto, reperire i mezzi adeguati a garantire ai giudici di arrivo un punto sopraelevato ( carrelli, ponteggi, ecc.)  per la corretta acquisizione dell’ordine di arrivo stesso. 

Inoltre, per l’assistenza sanitaria, è obbligatoria la presenza di almeno una autoambulanza e di una autovettura con medico a bordo, per tutto il tempo di svolgimento della gara.

Le disposizioni imposte dall’ente che ha rilasciato l’autorizzazione alla corsa dovranno essere rispettate su tutte le loro clausole (orari di partenza e percorsi)

In difetto a tale normative la gara non verrà fatta disputare

In caso che la manifestazione non abbia luogo, la società organizzatrice dovrà comunicare ai comandi delle forze di polizia (Carabinieri, Polizia Municipale e chi altro) che potrebbero aver predisposto i servizi di controllo, informandoli del suo annullamento.  

La stessa società organizzatrice dovrà provvedere a informare e rendere edotti i partecipanti sul percorso da svolgere.

Quando possibile, dovrà tabellare con frecce direzionali gli incroci e le deviazioni in tutto il percorso da effettuare, per evitare eventuali errori.

Nello svolgimento di qualsiasi tipo di gara l’organizzazione potrà prevedere ad un percorso ridotto per le categorie di supergentleman e donne

Il percorso della gara ed il suo chilometraggio, riportati nell’autorizzazione, dovranno essere tassativamente rispettati e potranno essere modificati solo ed esclusivamente dagli organi di polizia presenti sul posto e solo per cause di forza maggiore

In caso di mancanza dei veicoli adibiti al trasporto dei giudici, gli stessi decideranno se seguire la gara con altri mezzi o attendere la sua conclusione all’arrivo

 

2°  I CICLISTI

Tutti i ciclisti, in caso di manifestazione su strada con circolazione veicolare aperta, dovranno rispettare tassativamente il codice della strada ( circolare nella semicarreggiata di destra ed impegnare le rotatorie nel senso della circolazione di marcia, salvo diversa segnalazione da parte del personale preposto), pena l’esclusione dalla classifica, l’eventuale squalifica e in caso di incidente la responsabilità civile e penale.

Il ciclista che dovesse essere superato dal fine corsa, perché oltre il tempo stabilito, o avvertito da un giudice o da un componente la scorta tecnica, dovrà togliersi il numero di gara e raggiungere la zona di arrivo per proprio conto, salvo diversa disposizione.

 Lo stesso fine corsa dovrà seguire l’ultimo concorrente, salvo diversa indicazione impartita dal responsabile o dai giudici.

In tutte le manifestazioni il concorrente è obbligato ad indossare il casco di protezione rigido

I ciclisti che al sopraggiungere MANIFESTO ( clacson sirena od altro) da tergo di una autovettura o motociclo della giuria o ambulanza, che abbia necessita di oltrepassarli, ne ostacolino o non ne agevolino il superamento, potranno essere esclusi dalla classifica, ed incorrere in un eventuale deferimento alla consulta nazionale per l’eventuale squalifica.  

In caso di variazione di percorso obbligata dagli addetti e non ottemperata da tutti i concorrenti, il giudice di percorso potrà rallentare o fermare la gara  per dare la possibilità ai concorrenti di riprendere le posizioni iniziali oppure sospendere la gara stessa e raggiungere il luogo d’arrivo a velocità controllata.

Per tutte le attività competitive sono obbligatori:

Maglie e pantaloncini sociali o neutri

Casco rigido

Scarpe, solo da ciclista

Sono ammesse le maglie di campionato (ufficialmente riconosciute)

 

3° Reclami:

Ogni atleta o dirigente potrà sporgere reclamo scritto: a giudici di gara, ( entro 10 minuti dalla presentazione dell’ordine di arrivo, se questo lo riguarda) o ente, previo pagamento della quota di reclamo fissata in euro 30 trenta.

Qualora il reclamo venga accolto la quota verrà restituita.

Non saranno ammessi reclami verbali. 

 

4° Auto al seguito

Sono ammessi al seguito della manifestazione, mezzi a motore, per assistenza tecnica e di scopa, salvo che gli stessi  non creino problemi ai concorrenti. Sara discrezione del responsabile dell’organizzazione, dei giudici e degli appartenenti alle scorte tecniche allontanare i veicoli non ottemperanti alle disposizioni impartite.

I veicoli di assistenza tecnica devono procedere in coda ai partecipanti e possono portarsi in avanti,  solo se esiste una fuga alla quale partecipi un loro atleta, ma solamente se il distacco tra  i concorrenti superi il minuto (sei-ottocento metri). In caso che tale spazio temporale diminuisca gli stessi devono riprendere le posizioni di partenza. 

E’ fatto obbligo alle società che abbiano veicoli di rappresentanza che intendano seguire la corsa nel suo svolgimento, di presentare prima della partenza: il tipo di veicolo, il numero di targa, il nominativo del conducente con i dati identificativi della sua patente di guida, ed il nominativo di eventuali passeggeri facenti parte della società stessa.

NON OTTEMPERANDO A TALE OBBLIGO I VEICOLI SARANNO FATTI ALLONTANARE

 

5° Iscrizioni alla manifestazione

Il presidente di giuria o giudici di gara addetti all’iscrizione non possono iscrivere alla gara i ciclisti che risultino squalificati dall’ente di appartenenza o da altro ente quando in loro mano abbiano il documento comprovante l’avvenuta squalifica.

L’ente o la federazione che sospende un ciclista deve darne immediatamente notizia agli altri enti della consulta nazionale.

Il ciclista che si presenta all’iscrizione senza la tessera comprovante le visite mediche sostenute per l’anno solare in corso, con firma del presidente della società di appartenenza che ne assume la responsabilità, non può essere iscritto, salvo che il suo nominativo ed i suoi dati facciano parte di una banca dati a disposizione degli stessi giudici, o che il presidente stesso non presenti la relativa certificazione medica comprovante l’idoneità.

Il presidente della società di appartenenza del ciclista è l’unico responsabile della idoneità sanitaria dello stesso ed è l’unico che può ritirare la tessera dei propri ciclisti scaduta e comunicare all’ente di appartenenza che lo stesso ciclista non potrà più essere ammesso alle competizioni agonistiche. In caso di non ottemperanza risulterà l’unico responsabile, e nessuna responsabilità dovrà essere attribuita ai giudici di gara ed organizzatori.

 

6° Responsabilità

LA RESPONSABILITA DELLA MANIFESTAZIONE SARA ESLUSIVAMENTE DEL PRESIDENTE DELLA SOCIETA ORGANIZZATRICE

In difetto di un suo delegato (con delega scritta)

Ai  giudici di gara non è dovuta alcuna responsabilità civile e penale qualora siano state e territoriale del ciclismo e le norme prescritte nell’autorizzazione, con riferimento all’art. 1 rispettate le disposizioni regolamentari e disciplinari impartite da : AICS nazionale, regionale (Società organizzatrice)

In quanto il loro compito esclusivo è di controllare la validità dei tesserini, vigilare (se presenti, sul percorso) sul regolare svolgimento della corsa, sanzionare eventuali scorrettezze e stilarne l’ordine di arrivo.

 

7° Disposizioni generali

1  I concorrenti che nel percorrere il tracciato stabilito ne alterino la sua lunghezza ( giri in meno, percorrere scorciatoie, ecc) e reinserendosi nel gruppo disputino la volata finale intralciando gli altri concorrenti saranno esclusi dalla classifica generale e potranno essere deferiti alla consulta nazionale per l’eventuale squalifica.

2  In caso che nel percorso di gara si venga a trovare un impedimento (passaggio a livello chiuso, incidente stradale, o altro evento che blocchi la circolazione) i concorrenti che abbiano già oltrepassato l’ostacolo verranno considerati in gara, gli altri bloccati dall’evento potranno riprendere la gara solo dopo il regolare ripristino della circolazione.

Se invece tutti i ciclisti venissero fermati e ci fossero dei distacchi tra i concorrenti, gli stessi verranno fatti ripartire con i medesimi tempi di distacco.

3  Chiunque prosegua la corsa dopo lo stop dato dai giudici verrà squalificato.

4  Qualora la fermata  dovesse prolungarsi oltre il tempo massimo stabilito nell’autorizzazione la manifestazione verrà sospesa ed i concorrenti verranno accompagnati all’arrivo a velocità controllata senza volata finale.

5  Durante lo svolgimento della gara i ciclisti senza numero che dovessero inserirsi tra i partecipanti della gara devono essere fatti allontanare dalle scorte tecniche o dai giudici in servizio.

6  Ai ciclisti che partecipano alla gara, è fatto obbligo di prendere visione del tracciato della stessa e essere a conoscenza delle strade da percorrere.

Non verranno accettati reclami per eventuali errori di percorrenza anche in caso di defezione dei veicoli di scorta.

7  Se, durante lo svolgimento della gara si dovessero verificare incidenti che ne pregiudichino il normale svolgimento o la sua sicurezza, (mancanza di autoambulanza, o altro), sarà discrezione (dopo averne appurato la gravità) del responsabile della corsa e dei giudici, l’eventuale sospensione della stessa

8  Qualora i concorrenti in partenza fossero in numero preponderante, il presidente della società organizzatrice, unico responsabile, (di concerto con i giudici di gara) viste le disponibilità delle scorte per la sicurezza, potrà predisporre una doppia partenza

IN NESSUN CASO TALI DECISIONI SPETTERANNO AI CONCORRENTI   

Tutte le manifestazioni vanno approvate dai comitati territoriali di competenza (Provinciale: per le iniziative a livello Provinciale) Regionale: ( per quelle Regionali) Nazionale: (per quelle nazionali) Che ne determinano eventuali modifiche al regolamento.

Annualmente gli stessi comitati determinano le date, le sedi ed i campionati da svolgere.

Per l’assegnazione dei titoli è necessario che ogni categoria sia rappresentata da almeno -3- ciclisti. In caso contrario si procederà all’accorpamento di categorie (quella inferiore a quella superiore) con l’assegnazione del titolo a quella superiore.

 

Premiazioni

Coppe, trofei, premi in natura.

Nel caso di eventuale sospensione della gara i premi in palio potranno essere assegnati a sorteggio

Tutto comunque a discrezione dell’organizzatore

 Individuali e per categoria

Società

A partecipazione: ( numero di partecipanti indipendentemente dall’ente di affiliazione)

A punteggio: assegnando un punteggio in base all’ordine di arrivo di ciascun partecipante, la somma totale, darà la classifica finale.

Nota Bene: Per società si intende un gruppo di atleti aventi gli stessi colori sociali, (maglia e pantaloncini) riportanti le stesse diciture pubblicitarie e la stessa denominazione nel tesserino di affiliazione all’ente promozionale.

Nel caso che la società sia affiliata a due enti promozionali diversi (doppia affiliazione, consentita dalla Consulta Nazionale), e i parametri di cui sopra (colori sociali - denominazione) non vengano rispettati, la società in oggetto, sarà considerata non come unica ma due società ben distinte.

Finali con somma di più prove

                                                                                                                                                 

Tipi di gare

 1° Gare in circuito

2° Gare in pista

3° Gare in linea da 60 a 90 km

4° Gare a tappe consecutive e non

5° Raduni, sia con finale agonistico e non, km massimi 60

6° Gran fondo da 121 km a 180 –mediofondo da 61 a 90 km – fondo da 91 a 120 km-super gran fondo da 181 a 250 km.

7° Mountain bike

 

Gare a cronometro  e mountain bike

Valgono le stesse disposizioni generali degli articoli precedenti e relativi paragrafi.  

Sito Web creato e gestito da Gian Luca

ultima modifica giovedì 25 settembre 2014 22.24.13